Logo Blogzine
GoldChristmas_

L’altra faccia del pack

Attira l’attenzione, serve a comunicare i valori del brand, stabilisce una connessione con il consumatore e soprattutto gioca un ruolo principale nella scelta di acquisto. Il packaging è diventato un elemento fondamentale di ogni strategia di marketing e comunicazione, nessun prodotto può farne a meno. Ogni brand ha scoperto l’importanza del packaging sviluppando e tentando varie strade, implementando una sempre più spiccata creatività per poter catturare e stabilire un legame duraturo con i propri consumatori.

Le forme, i colori e le immagini che definiscono il prodotto e, soprattutto, le caratteristiche del suo packaging, sono infatti i primi e più importanti elementi che un’azienda può sfruttare per rendere il proprio prodotto competitivo. Un packaging ben progettato ha la capacità di stimolare le sensazioni del consumatore conducendolo o verso nuovi desideri, che il prodotto prometterà di soddisfare, o verso la ricerca di rassicurazioni, che il riconoscimento della marca fornirà. Per guidare l’utilizzatore verso l’acquisto la confezione deve quindi essere originale ma riconoscibile, innovativa ma sempre pratica, comunicativa ma in modo semplice e chiaro. Il packaging deve essere sempre capace di sintetizzare e trasmettere i valori più importanti del marchio e il suo prodotto.

Fondamentale soprattutto per questa ultima funzione sono per esempio le etichette, che devono dare informazioni chiare, complete e comprensibili per ogni tipo di consumatore. Un elemento di primaria importanza per la valorizzazione del prodotto è il retropack. Qui il consumatore di oggi, sempre più consapevole a attento, si aspetta di leggere informazioni complete sul prodotto e sul produttore, in modo da poter comprendere al meglio il valore e la qualità di ciò che sta scegliendo in ottica di salute, impatto ambiente e rispetto etico.

Un’indagine effettuata nel 2011 dall’Osservatorio Adi-Nestlè sugli stili di vita ha evidenziato come l’88% degli italiani legga la data di scadenza, il 73% la lista degli ingredienti e 2 persone su 10, dato in crescita, siano interessate a informazioni aggiuntive come provenienza, consigli nutrizionali e altro. Il retropack è diventato rilevante tanto quanto il lato frontale della confezione: qui l’azienda può raccontarsi e relazionarsi con il consumatore, con ricadute importanti per la credibilità della marca. Dopo che la facciata della confezione ha attirato il cliente, è il contenuto educativo/informativo sul retro del pack che lo conduce all’acquisto.